Pragger: (leggi: praggher - battipanni, Teppichklopfer, Carpet beater, Выбивалка для ковров): etimologia incerta, forse onomatopea (prag prag).

Nel tedesco austriaco (viennese) Pracker dal verbo pracken, colpire: ich prack dir eine.

Oggetto solitamente in giunco intrecciato con cui si battono tappeti, abiti o altro per farne uscire la polvere. Fino ad anni recenti presente in ogni casa laivesota e spesso utilizzato quale arma impropria dalla padrona di casa soprattutto nei confronti di componenti maschili indisciplinati della famiglia ma anche a scopi prettamente educativi in epoca pre-telefono azzurro.

Usato frequentamene dalle madri nella locuzione: Vot che vaga a tor el pragger? (traduzione: sono contenta che tu abbia deciso di obbedire spontaneamente).