top of page
  • Immagine del redattore

Prent, la valle dei fantasmi






La Vallarsa / Brantental che collega la Bassa Atesina (e in particolare Laives) all’altipiano del Monte Regolo, rientra a buon diritto tra le località fantasma. Ma questa gola stretta tra spaventose pareti porfiriche e attraversata da un torrente impetuoso può vantare un passato di tutto rispetto. Un tempo veniva chiamata semplicemente “Leiferer Tal / Valle di Laives oppure “Valle dei Liechtenstein” (che ne erano i proprietari). Oggi vi si affacciano solo edifici in rovina, masi semiabbandonati, mulini e officine crollati e ponti caduti.

Accanto alle risorse idriche e alle varie miniere che vi venivano coltivate, dal medioevo in poi questa valle ha conquistato grande rilevanza nel commercio di legname e nell’estrazione del porfido. Ma dalla costruzione della strada della val d’Ega a metà 900, questa valle è caduta in un sonno profondo e attende da decenni l’improbabile comparsa di un taumaturgico principe azzurro.

Il nome secolare della valle contiene l’antica parola tedesca “Brand-Prant”, che potrebbe derivare dalle numerose “Brandrodungen” (disboscamento per abbruciamento) che vi venivano praticate. Come la valle si chiamasse prima, non è noto. È presumibile che un luogo di tale rilievo per i collegamenti tra la valle dell’Adige e il Regglberg abbia portato un nome romano o preromano. Un qualche indizio ci può essere fornito dalla circostanza che la valle nel gergo popolare continua a chiamarsi semplicemente “Val” o, in tedesco, “Tal”. E perciò non si può escludere che anche il suo primo nome sia stato il retico “Vul” o “Val”, da cui successivamente “Vallis” e “Tal”.

A Nova Ponente esistevano in epoca medievale otto quartieri o Roden. Uno di questi si chiamava – e si chiama ancora – Prent. Qui si trova anche il maso Prentner, nominato per la prima volta nel 1336 come “de Prente de nova teutonica”. Prent(e) dovrebbe essere il plurale di Brand (incendio), e la valle potrebbe anche aver preso questo nome “Prentner Tal” da questo maso Prent. A volte viene chiamato anche im Prand, Prüntental o Präntental.

Ma il nome “Brant” non è univoco. Molti studiosi ritengono che toponimi con la radice Pre- o Pren- o Bran- siano da porre in collegamento con il popolo dei Breoni che a suo tempo frequentavano l’area alpina. Nomi come Brenner, Brenta, Brentonico, Breguzzo, Brione, Breno e molti altri ancora deporrebbero a favore di questa ipotesi. Se anche Brantental / Vallarsa rientri in questo novero non si sa.

Interessante ci sembra invece l’ipotesi delio studioso Ernst Forstemann, che ritiene che i nomi con “Brand” non derivino dal fuoco e da brennen (ardere) ma dall’acqua: “Questi nomi ci suggeriscono che deve essere esistita una radice Brand o Brant per corsi d’acqua, come per esempio nei fiumi Brend e Brenz, che trovano la loro origine nell’indogermanico brendh (sgorgare). Anche Hans Krahe riconobbe nel termine la radice bhrondhi, fonte.

Si pone dunque il quesito se la Brantental / Vallarsa abbia preso il suo nome dalla “Rode Prent” o se il nome di questa derivi dal rio che la attraversa.


(c) Reinhard Christanell

182 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Commentaires


Laives anni '20.jpg

Te ricordet... Laives

Hola

Muro di cemento

Viaggio nel tempo attraverso immagini e testimonianze dedicato alla città di Laives 

a cura di Gianni Beordo e Reinhard Christanell

 

bottom of page